Rosalia Aiello: Network Marketing per amore

Noemi Fiorentino - Allinners
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

LA STORIA DI GRANDE CARISMA DI ROSALIA AIELLO

Ecco una donna che, quando ho conosciuto, anche solo di nome, ha iniziato a stravolgere ogni mia sinapsi, a disordinare, rimescolare, trasmutare  ogni cosa sistemata che avevo in testa.

I suoi riccioli sono una manifestazione della sua personalità, la sua originalità è certamente la chiave vincente e aspettatevi pure di rimanere ammaliati e stregati dal modo in cui parla del suo business e di ciò in cui crede.

In altre parole, quando vi imbattete in Rosalia, iniziate a sorridere. Siate pronti al suo passaggio, somigliante a una danza di venti. Lasciate che sradichi i vostri pensieri e i vostri pregiudizi. Vi parlerà di Network Marketing e non potrete fare altro che rimanerne incantati.

Ciao Rosalia, ci parli di te?

Mi presento, sono Rosalia, ho 35 anni e sono una Networker Professionista.

Mi sono laureata in Ingegneria civile e stavo per prendere una seconda laurea in Ingegneria Edile-Architettura ma, a pochi esami dalla fine, ho capito che quella non era la strada giusta per me.

Nel febbraio 2010 la perdita di mia madre fu l’evento scatenante per dedicarmi ad altro nella mia vita. Nella mia testa nacque l’assoluta avversione ad ogni genere di sacrificio, non ne vedevo il motivo… in fondo potevamo andare via in qualsiasi momento!

E’ stato a questo punto che ti sei affacciata al Network Marketing?

Esatto, e pensa che 7 anni fa non sapevo dell’esistenza di questa attività. 1 anno dopo averla scoperta non sapevo che mi avrebbe permesso di abbandonare il mio lavoro. 3 anni fa non immaginavo di poter diventare una delle Top Leader della mia azienda, ed infine, dopo anni di gavetta, creare un qualcosa di mio.

Nel mondo del lavoro tradizionale è risaputo che vieni pagato in base alle ore che lavori e per guadagnare tanto è necessario lavorare tanto, davvero tanto. La mia mente si era creata questo trailer di una vita che mi terrorizzava. Mi mancava il fiato al solo pensiero… figuriamoci a viverla!

Te l’ho fatta molto breve ma più o meno è andata così. Presa la decisione di abbandonare il settore dell’Ingegneria avevo davanti a me un mondo di possibilità, ero un foglio bianco da scrivere. Dovevo inventarmi una nuova personalità, una nuova me. Tutte le competenze che avevo le avevo in un settore in cui non volevo lavorare.

Come oggi chi non sa cosa fare decide di fare lo Youtuber, 9 anni fa a Bologna chi non sapeva cosa fare si metteva ad organizzare eventi e/o portare gente alle varie serate. Iniziai a fare quello e durante una di queste serate conobbi il redattore di una famosa rivista di eventi di Bologna che mi propose di collaborare con lui. Accettai. Era un momento della mia vita in cui avevo bisogno di staccare il cervello, avevo bisogno di leggerezza e quel lavoro era perfetto. Ero sempre in giro, ero sempre in festa. Peccato che dopo 6 mesi capii che quei ritmi non erano sostenibili e che quello non poteva essere il lavoro della mia vita. Ero ben consapevole che stavo solo perdendo tempo. Non vedevo una reale possibilità di carriera.

Ero stanca di avere la preoccupazione del fine mese, di far decidere a qualcun altro il valore del mio tempo, di farmi dire quando e per quanti giorni andare in ferie, di non potermi permettere tutto ciò che desideravo, di non sentirmi gratificata per il lavoro che svolgevo, di non avere mai tempo per me, di vivere una vita ordinaria.

Tutti meritiamo di vivere una vita straordinaria.

Che tipo di cambiamento ha determinato questo in te?

Mi sono ritrovata di nuovo a non sapere cosa fare. Avevo 27 anni, condividevo la casa con altri studenti e non avevo assolutamente le idee chiare sul mio futuro. Però dentro di me avevo una consapevolezza, potevo imparare a fare qualsiasi cosa. Il credo in me stessa è sempre stato molto forte, non mi ha mai abbandonata.

Sono stati mesi travagliati, fino a quando nel settembre 2012, durante una manifestazione fieristica dedicata al benessere ho scoperto il mondo del Network Marketing. Sembra frutto di una casualità ma nulla nella vita accade per caso. In quel periodo il mio intestino (il nostro secondo cervello) era sofferente e mi avevano consigliato di bere il gel di una pianta, l’Aloe Vera, che sicuramente mi avrebbe aiutata. Quello è stato il motivo per cui mi sono avvicinata allo stand della Forever Living, ho provato il prodotto ed ho ascoltato con attenzione la descrizione dell’opportunità lavorativa (non ne avevo mai sentito parlare fino a quel momento).

All’inizio ero molto scettica, ma il giorno dopo mi svegliai con un’energia diversa.

Allo stand avevo bevuto molta Aloe Vera e quindi decisi di aprire il codice attività per pagare meno il prodotto e giorno dopo giorno vedevo sempre di più i risultati in me dei prodotti.

Cosi questa divenne la mia missione.

 

Qual è quindi oggi la tua missione?

Aiutare il maggior numero di persone possibili ad essere felici da un lato consigliando prodotti certificati e di altissima qualità per mantenersi in salute e completo benessere, dall’altro insegnandogli un nuovo modo di fare impresa, alternativo a quello tradizionale, molto vantaggioso sia dal punto di vista economico che meritocratico e che basa tutto il successo sull’aiuto reciproco. Non è stato un percorso facile, giorno dopo giorno ho imparato dai miei errori, mi sono formata e dopo 1 anno dal mio inizio ho potuto licenziare il mio capo e dedicarmi al Network Marketing full time.

Io AMO il settore del Network Marketing e credo fermamente che sia una tra le migliori opportunità che abbiamo oggi per raggiungere i nostri obiettivi e realizzare il nostro stile di vita desiderato.

 

Quanto conta per te la cultura degli Allinners, del “non mollare mai”?

Sono sempre stata una Alliners ma ho scoperto di esserlo solo dopo aver incontrato il team MG.

Da sempre sono stata la donna dai colori forti e dalle poche sfumature.

Se credo in qualcosa ci metto tutta me stessa, mi comprometto al 100% senza piani B altrimenti non ha senso neanche iniziare, nel lavoro così come nella vita.

Da sempre ho anche creduto nella forza del Team perché da soli non si va da nessuna parte ed il lavoro che ho deciso di intraprendere soprattutto di questo aspetto ne fa uno dei capisaldi.

Ho sempre avuto questi due punti fissi nel mio modo di agire e di pensare e quando ho scoperto che due ragazzi ci avevano creato su un Movimento è stato per me come “trovare casa”, sentirmi accolta in un mondo di persone che come me ogni giorno portano avanti i loro sogni ed i loro obiettivi con la stessa forza e la stessa grinta con cui lo faccio io.

Tra Allinners ci capiamo e sentirci definire ossessionati non ci pesa ma ci onora.

Allinners per sempre!

 

Grazie Rosalia Aiello per aver condiviso con noi la tua storia, sarà di esempio e aiuto a molti.

 

Che messaggio ci lascia la storia di Rosalia?

Non so a voi, ma a me la storia di Rosalia, ha fatto rivivere quei momenti in cui sono stata in grado di reinventarmi. Le sue parole hanno la grande capacità di riattivare in ognuno di noi la gioia di vivere quindi le cose positive che ne conseguono da quello stato. Con la tristezza, spesso,  noi ci ricarichiamo e stiamo dentro di noi per conoscerci, con la gioia abbiamo l’occasione di creare percorsi di condivisione e confronto.

Rosalia ci ricorda: quando ci apriamo alla gioia, sicuramente possiamo trovare infinite occasioni. Il volerle concretizzare è atto di coraggio, costanza e determinazione e, si sa, alla lunga porterà al successo che ognuno di noi desidera e merita.

Siamo un movimento di persone che condividono grande forza di volontà. La tua storia è quella di tutti i noi e se non l’hai già fatto ti invito a richiedere una copia del libro degli Allinners, diventato best seller in pochi giorni. Lo puoi trovare a questo link www.allinners.com

Noemi Fiorentino

www.allinners.com/

Torna su