Arianna Palmulli: Imprenditrice Innovativa

Noemi Fiorentino - Allinners
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

LA STORIA INNOVATIVA DI ARIANNA PALMULLI

Spumeggiante, carismatica, magnetica. Queste sono le prime parole che mi vengono i mente quando mi siedo per scrivere di Arianna.

La prima volta che l’ho conosciuta è stato a Dubai, quando insieme ad altri 13 imprenditori ci siamo riuniti con Fabio e Matteo per il primo e unico Dubai Mastermind Live.

La guardavo senza dire nulla, per ricevere quello che trasmetteva. Sicurezza, sicuramente, certezza di una direzione. Quindi fiducia.

Un anno e mezzo dopo sono qui a scrivere di lei e so che la sua meta era leggermente diversa da quella che si aspettava. Eppure era più grande, più splendente, tempo fa inimmaginabile, oggi finalmente realtà.

 

Ciao Arianna, ci parli di te?

“Sono Arianna Palmulli, diplomata in ragioneria e laureata in giurisprudenza, il prototipo di quello che la società tradizionale si aspetta, ma che ha deciso di sovvertire tutto e di diventare un’imprenditrice innovativa.

Durante il mio percorso di studi, dettato dalla mia grande ambizione, di avere un vita lavorativa appagante aiutando gli altri, man mano che mi avvicinavo al traguardo della laurea prendevo sempre più consapevolezza che stavo investendo anni della mia vita a studiare qualcosa di troppo statico rispetto alla velocità che stava prendendo il mondo e che i cambiamenti lavorativi che mi circondavano non mi avrebbero MAI permesso di realizzarmi a pieno, se non accettando una dura realtà che accomuna molte persone: costi, rischi, ore di lavoro no stop, presenza perenne, vita sociale annullata.

Io non volevo questo, ambivo a tutt’altro.

Nonostante quello che sentivo ho dedicato ancora del tempo al “classico modo di fare impresa”, ma di nuovo in poco tempo ho capito che quel sistema non mi apparteneva per niente.

Per mesi della mia vita, passavo da un ufficio all’altro, cercavo di più, volevo di più.

Ma presto ho capito che quella vita non era quello che volevo.

Cercavo una realizzazione personale e professionale che rispettasse il valore che sapevo di avere dentro di me e di poter donare al mondo.

Ero alla continua ricerca di qualcosa di nuovo, di diverso, in linea con il mio modo di pensare lungimirante, innovativo e smart e con lo stile di vita che amavo e volevo condurre.

La mia libertà è: lavorare con chi voglio, quando voglio, dove voglio.

Essendo una persona determinata e che ama le sfide decido di approfondire un’opportunità di business di cui mi avevano parlato all’università: il Network Marketing.

Ho iniziato a lavorare in questo settore e in parallelo a studiarlo ed informarmi a 360 gradi.

Non sapevo cosa fare, ma una cosa l’avevo capita: avevo tra le mani lo strumento giusto che mi avrebbe permesso di raggiungere i miei obiettivi.

Il network è esattamente la professione che si sposa con il mio modo di vivere, il mio modo di pensare e il mio modo di essere.

Un lavoro che mi avrebbe permesso di: viaggiare, crescere personalmente, apprendere nuove conoscenze, essere indipendente e raggiungere la tanto ambita liberà sia personale che economica.

Non avevo certezze, se non una: che la mia ambizione mi avrebbe permesso di superare qualsiasi cosa e la mia dedizione mi avrebbe permesso di raggiungere lo stile di vita che desideravo.

 

Cosa ti ha portato a un cambiamento repentino?

Il trauma che mi ha spinto a cambiare è stato dettato dal modo in cui mi sentivo e che si è protratto per alcuni mesi, da lì è partito il mio cambiamento.

Purtroppo, la maggior parte delle persone passa la loro vita ad aspettare ed io ricordo perfettamente come mi sentivo alcuni anni fa, non ero soddisfatta di quello che avevo, di me, sapevo che potevo dare di più ed io non volevo più aspettare!

Così ho iniziato a discostarmi da tutto quello che mi stava tenendo lontano dai risultati che volevo raggiungere, ho sostituito la televisione con libri di formazione, ho allontanato le persone negative e demotivanti dalla mia vita, ho puntato tutto su me stessa.

All’inizio è stato estremamente difficile soprattutto perché mi sentivo sola, sembrava che tutti mi remassero contro, ma poi pian piano di iniziato a coltivare nuove amicizie e ad ampliare i miei orizzonti che mi hanno portato a dove sono ora.

 

Che importanza ha avuto per te il non mollare?

Un’importanza fondamentale, determinante aggiungerei.

C’è una frase che amo e che mi è di grande ispirazione di Zig Ziglar che dice: “Credo che il successo venga conseguito da persone ordinarie con una determinazione straordinaria” 

La determinazione è la costante che ogni persona deve tenere ben ferma nella propria mente e con il proprio corpo per raggiungere gli obiettivi e i risultati che si è prefissato.

Molte persone parlano spesso di fortuna o destino ma la verità è che dietro ad ogni successo, piccolo o grande che sia, c’è questo: il non mollare mai.

A chi non è mai capito di pensare: “basta, io mollo tutto”. A tutti! Ma la differenza tra i perdenti ed i vincenti è proprio questa; non solo avere successo nella propria vita, quella è una conseguenza delle azioni che vengono fatte ma sviluppare una mentalità tale che nel momento in cui ti viene da pensare cosi, il tuo desiderio e la tua fame sono tali da neutralizzarlo.

 

Ci sono stati per te momenti di debolezza?

I momenti di debolezza ci sono e ci saranno sempre nella vita delle persone, molti li vivono come un momento negativo ma onestamente con il passare del tempo ho imparato ad “apprezzarli” perché solo grazie a quello che si prova in quel determinato momento si prende davvero consapevolezza del desiderio che si ha. I momenti di debolezza sono la conferma che il sacrificio o lo stress che si provano in quel momento simboleggiano che ci tieni davvero ad arrivare dove vuoi arrivare.

I miei momenti di debolezza sono dati dalla mia grande ambizione, voglio sempre fare bene le cose, non può più  essere diversamente per me e spesso sono accompagnati dalla responsabilità che ho nel gestire e seguire un team, le persone che lavorano con me devono stare bene, e non importa se questo mi costa fatica e sonno in questo momento, ogni sacrificio che viene fatto oggi, porterà gratitudine e soddisfazione domani.

Quando mi sento così mi guardo allo specchio, guardo la mia persona e penso al perché lo sto facendo, io ho deciso di compromettermi perché voglio dare un futuro meraviglioso alla mia famiglia, ricco di amore e di viaggi, perché ho deciso di fare la differenza a livello imprenditoriale collaborando con un’azienda che mi permette di stare a contatto con una realtà stimolante e costruttiva.

 

Qual è, ad oggi, il tuo più grande successo?

Il mio risultato attuale è quello che coprire un ruolo importante nell’azienda Must Have, piu nel dettaglio essere stata scelta come responsabile della rete commerciale del network.

Essere in questa posizione ha alzato ancora di più la mia ambizione e allargato la mia vision.

Ovviamente nulla capita per caso, i fondatori hanno riposto in me grande fiducia dandomi questa opportunità e sarà grata a loro per sempre ma allo stesso tempo ringrazio anche me stessa per aver dedicato gli ultimi anni della mia vita a crescere la mia persona, ad aiutare tante altre persone nel business a raggiungere i proprio obiettivi ed essere sempre stata una tipologia di persona che affianca alla parte teoria tanta tanta tanta pratica, andando a lavorare sul campo in prima linea e testando personalmente le migliori strategie.

 

Cosa pensi della cultura del Movimento Allinners?

La cultura Allinners mi ha reso una persona migliore, più forte e più determinata ma non è solo il concetto del non mollare mai che è stato fonte di ispirazione per me ma bensì l’unione con le persone. Sviluppando un network spiego sempre la differenza tra dare il 100% da soli o l’1% con 100 persone il risultato è lo stesso ma il modo di sentirsi è impagabile.”

 

Che messaggio lascia la storia di Arianna a tutti  noi?

Credo che la storia di Arianna ci indichi la strada verso quell’ambizione che non è chiusa e cieca, ma aperta e piena di prospettive. Alcune volte non portiamo a termine i nostri grandi ideali perché sentiamo il peso della perfezione, ma laddove, come nel caso di Arianna, siamo in grado di ispirarci alla perfezione per dare il meglio di noi, senza per questo sentirci frustrati di fronte agli obiettivi mancati, allora possiamo davvero fare molta strada.

Questa donna ci ha dimostrato che tendere l’arco, puntare la freccia verso l’obiettivo, ma anche e soprattutto la decisione nel far partire il tiro sono ingredienti sostanziali per diventare un vero imprenditore innovativo!

Grazie Arianna Palmulli per aver raccontato la tua storia. Sarà di esempio e aiuto a molti.

Siamo un movimento di persone che condividono grande forza di volontà. La tua storia è quella di tutti noi e se non l’hai già fatto ti invito a richiedere una copia del libro degli Allinners, diventato best seller in pochi giorni. Lo puoi trovare a questo link www.allinners.com

Noemi Fiorentino

www.allinners.com/

Torna su